Territoriopag - Agriturismo Tenute Pollara

icona di selezione lingua inglese
Logo aziendale Tenute Pollara
Bandiera inglese
Vai ai contenuti
A spasso nel Cuore della Sicilia
Linea di separazione orizzontale di colore bianca
L’Agriturismo Tenute Pollara by Casa Mia si trova in una posizione privilegiata al centro della Sicilia occidentale, perfetta per avventurarsi alla scoperta dei maggiori centri d’interesse storico, culturale, archeologico ed enogastronomico.
Potrete visitare la bellissima città di Monreale o il magnifico Bosco della Ficuzza con l’incantevole palazzo reale "Real Casina di Caccia di Ficuzza", ed ancora le meravigliose Cascate delle Due Rocche vicino la famosissima cittadina arabo-normanna di Corleone, che attira ogni anno migliaia di visitatori. A poche miglia di distanza sarà inoltre possibile ammirare le antiche vestigia di Selinunte e Segesta con il suo maestoso Tempio e tanto altro ancora.


Terr 2.jpg
Terri 1.jpg
Terri 3.jpg
Terri 4.jpg
Terri 5.jpg
Terri 6.jpg
Terri 7.jpg
Terri 8.jpg
Linea di separazione orizzontale scura
Monreale: Itinerario cittadino
Alla sontuosa cattedrale normanna si deve la grande fama della città di Monreale.
Imponente con i suoi cento metri di lunghezza, magnifico con le splendide absidi decorate ad archi ciechi, il Duomo di Monreale rivela la sua sontuosità all'interno. Superato lo splendido portone di Bonanno Pisano si resta senza fiato davanti alle pareti rivestite di stupendi mosaici, definiti un miracolo di oreficeria, estesi per seimila e trecento metri quadrati,raffiguranti la Bibbia, la Creazione, i Profeti e la venuta di Gesù, la Crocifissione e la Resurrezione. La prospettiva culmina nel Coro con la grandiosa figura del Cristo Pantocratore.
Attiguo al duomo è il complesso monumentale, un tempo sede del Convitto dei Benedettini e destinato oggi a sede della Galleria Civica d'Arte moderna.
Il settecentesco Palazzo di Città, sul lato sinistro della piazza, custodisce invece alcuni dipinti di pregevole scuola, oltre a una tela di Antonio Pietro Novelli, padre del più famoso Pietro.
L'antico quartiere del Carmine, posto a ridosso del duomo, sul versante sud orientale, conserva ancora lo spirito delle origini. Caratteristici sono i chiassi, spazi comuni nei quali al termine della giornata di lavoro i contadini e le loro famiglie sedevano ad ascoltare i benedettini che facevano opera di evangelizzazione e catechesi. Un altro quartiere storico, a monte, al di là del corso principale della cittadina, è la Bavera, detta così perché abitato dagli esattori del fisco, all'epoca detti bavaresi.
In pochi passi si arriva alla Chiesa della Collegiata, fondata nel Seicento, che ospita il Crocifisso con il Patruzzu amurusu, che miracolò i cittadini dalla peste. Nell'antica chiesetta di San Vito, molto amata dai monrealesi trovarono sepoltura due illustri cittadini, Antonio Veneziano e Pietro Novelli. Sulla piccola piazza Vaglica si affaccia il Collegio di Maria, con l'armonioso prospetto ceramico a due ordini di finestre. Al Collegio è annessa la chiesa della Santissima Trinità, dall'insolita pianta ottagonale e con un bell'altare maggiore rococò. Al santo patrono di Monreale, San Castrense, è dedicata una chiesa, originariamente annessa a un convento di monache di clausura, sita nella piazza omonima, decorata con statue e stucchi di scuola serpottiana.
seconda linea scura di separazione
Alto Belice Corleonese
LAlto Belice Corleonese si estende a Sud di Palermo, verso l’interno, in un’area popolata sin dall’antichità. Il territorio è costituito da montagne e colline calcaree, e alla forte caratterizzazione del paesaggio contribuisce un bel panorama agrario d’antica memoria, tipico della Sicilia dei Feudi. I centri abitati hanno un impianto medioevale sul quale si è innestato lo sviluppo urbanistico in epoca spagnola (sec. XVI - XVIII), caratterizzato da palazzi nobiliari, chiese e conventi. Tra la cittadine fondate nel Cinquecento, alcune sono abitate ancora dai discendenti dei coloni albanesi in fuga dalle invasioni turche, popolazioni che hanno conservato la lingua, le tradizioni, il folclore ed il rito religioso bizantino. L’Alto Belice Corleonese ha seguito in epoca classica e medioevale le vicende storiche siciliane. Di questo lungo periodo restano preziose testimonianze quali il teatro greco e l’agorà dell’antica città di Iato, le terme arabe di Cefalà Diana, il Duomo normanno di Monreale, il Castello di Federico II a Giuliana. In epoca barocca poi vi fu un fiorire di conventi, chiese, abbazie e grandi palazzi. Qui il barocco domina e si attarda sino al sec. XIX. Stucchi, statue, intarsi marmorei, grandi tele con storie di santi arricchiscono tante belle chiese, che, a loro volta, qualificano (e in alcuni casi dominano) i centri storici. Tra queste ricordiamo le due grandi Abbazie di Santa Maria del Bosco (Contessa Entellina) e di San Martino delle Scale (Monreale)
Famoso per produrre al’interno del suo territorio vini DOC (Monreale e Alcamo), l’Alto Belice Corleonese custodisce un patrimonio gastronomico da scoprire – e da gustare – comune dopo comune. Iniziamo dagli antipasti: melone d’inverno di Roccamena, salumi di cinghiale e pecorini. Poi la pasta fresca di Corleone. Altri prodotti di eccellenza sono il castrato o le carni bovine dei Monti Sicani, e l’ottimo e caratteristico pane di Monreale. Come frutta, le ciliegie di Chiusa Sclafani, le susine di Monreale e il melone bianco di Camporeale. E, dulcis in fundo, i celeberrimi cannoli di Piana degli Albanesi.


S.P. 4 Bis 90034 Corleone (PA) Italy
Tel. +39 0918486333 - +39 3286029088
                    
Cookie Policy      Credit
LOGIN
Copyright © 2017 Tenute Pollara by Casa Mia
Tutti i diritti riservati - P.I. 06541470826

Privacy Policy
Torna ai contenuti